PUNTATE  IL PROCESSO A INTERNET

SETTIMANALE ON-LINE: Diritto, Economia e Nuove Tecnologie

diretto da Amedeo Nigra

 

  Home   Commento   Mappa   Personaggi   Il Processo a Internet  

Torna alla quinta puntata


GIORNALI E INTERNET

Il giornale Internet è utile. Ma non deve essere come quello “cartaceo”. Proprio per questo, i vari quotidiani e le varie riviste, stanno cercando un nuovo modo di fare giornalismo internet. Ecco le idee di Antonio Bozzo, Massimo Esposti, Giuseppe Mascambruno, Maurizio Belpietro, Milo Goj, Marco Barbieri, Pierluigi Lucioni, Ugo Savoia, Carla De Girolamo, Lorena Ferrari, Francesco Di Martile, Mario Furlan.

──

Internet cambia il modo di fare giornalismo?
Bozzo: “Certo. Ogni personaggio indicato nei programmi della rivista che dirigo, TV Sette del Corriere della Sera, ha un sito. Il pubblico vede il programma e, se vuole, visita il sito”.
E’ importante interne,t per l’informazione sugli spettacoli?
Bozzo: “Sì, quando noi diamo una notizia, il sito segnalato aumenta tantissimo le visite. Soprattutto i fan di attori e cantanti, possono sapere dove avere notizie ad ogni ora”.
E poi, che rapporto c’è tra una rivista e un sito internet?
Bozzo: “Chi ha un sito viene conosciuto di più e meglio. Così la mia rivista TV Sette del Corriere della Sera, e Internet, si completano”.
Avrai quindi conosciuto tutti i personaggi televisivi, scrivendo sullo spettacolo?
Bozzo: “Sì, la mia rivista vanta il fatto di aver messo in copertina dei personaggi come Simona Ventura o Luisa Corna, all’inizio della loro carriera. In pratica, avevo intuito che, oltre ad essere delle belle ragazze, avevano anche delle capacità in più nel campo televisivo”.
Seguite l’onda del successo del personaggio, oppure cercate altri modi di comunicare?
Bozzo: “A volte la ignoriamo e decidiamo in modo autonomo. Possiamo permettercelo, dato che non abbiamo paura di sbagliare, essendo TV Sette un inserto del Corriere della Sera”.
Vale di più una rivista o Internet, per informare o per il successo?
Bozzo: “Non esistono confronti. Occorrono entrambe”.
Come scegliete gli argomenti da pubblicare su @lfa del Sole 24-Ore?
Esposti: Effettuiamo una selezione immedesimandoci nel lettore, con le sue curiosità e i suoi interessi. Cerchiamo di offrire, per esempio, in prima pagina un argomento che colpisca, trasversalmente, tutti i lettori”.
La stampa, “è solidarietà”, perché ci aiuta ogni giorno. O no?
Mascambruno: “In certo senso, la stampa in genere è uno strumento di solidarietà, in quanto mette in comunicazione più soggetti tra di loro”.
Con Internet, la stampa perde, perché subisce la concorrenza?
Mascambruno: “Io personalmente credo nella complementarità tra i vari mezzi di comunicazione, possono coesistere tutti”.
E sul piano delle scelte di un giornale, come si colloca Internet?
Goj: “Occorrono valutazioni incrociate e attente se si vogliono avere più “media”. Anche la famiglia Mondadori perse una rete TV, Rete Quattro. Appunto, sono necessarie strategie di gestioni diverse ma coordinate”.
E’ necessario, quindi, avere un’"idea" nuova. Il giornale elettronico deve essere un’altra cosa, non può essere semplicemente la copia del quotidiano cartaceo.
Belpietro: “Il mezzo elettronico fornisce, quotidianamente, rapidità ed interattività. Necessita, pertanto, di tempi non disponibili nella redazione di un giornale”.
Come va un giornale “tutto su Internet”, PuntoCom?
Barbieri: “Bene, anche se noi ci occupiamo di tutti i mondi della comunicazione, non solo di internet: giornali, pubblicità, eccetera. Internet è , al momento, quello più di "moda".
Ma Internet non fa concorrenza ai giornali? Entrambi contengono notizie e, per di più Internet, è aggiornato in tempo reale e non costa nulla.
Lucioni: Internet fa sicuramente concorrenza ai giornali, anche se, in realtà, questi mezzi di comunicazioni offrono cose molto diverse tra loro, dal momento che mirano a soddisfare un pubblico di utenti molto diversi.
Fino a poco tempo fa, sui quotidiani non esisteva la pagina dedicata ad Internet, che oggi si ritrova ovunque. E’ così?
Savoia: “Si, è così. La pagina Internet del Corriere della Sera è nata nella metà del 1999. Successivamente è nato anche il sito del Corriere”.
Con quale idea e obiettivo nasce un giornale on line?
Savoia: “Il progetto è quello di riservare un’attenzione costante al mondo di Internet, e di fornire un aiuto, una specie di guida per potersi orientare nell’immenso libro che è Internet”.
Che tipo di persone seguono di più il Corriere on line?
Savoia: “Tutti in generale, ma è importantissimo per chi è all’estero: sarà informato anche quando mancano o sono in ritardo i giornali italiani”.
E’ nata una rivista dedicata ad Internet da Panorama: qual è lo scopo di una iniziativa editoriale del genere?
De Girolamo: “Lo scopo è la notizia, in particolare le possibili truffe e inganni, come i siti a pagamento, quelli che effettuano connessioni con Paesi lontani e che comportano notevoli costi telefonici”.
E poi, come strutturate Panorama dedicato a internet?
De Girolamo: “Vi è una sezione dedicata alla presentazione di siti, controllati e selezionati dalla redazione e una sezione dedicata alla "prova sul campo". Per esempio, proviamo ad acquistare biglietti, libri e verifichiamo il funzionamento dei servizi offerti dai vari siti”.
Cosa fa la sua scuola per aiutare i contribuenti a imparare internet e il lavoro, in generale?
Ferrari: “Sul sito www.economiaemanagement.it  esiste una grande opportunità. Gli utenti possono consultare l’archivio storico delle riviste della Bocconi, che difficilmente sono reperibili in cartaceo. E’ un notevole aggiornamento professionale”.
L’editore non serve più, adesso che c’è internet?
Ferrari: “No, non direi così, è solo una trasformazione, una interazione con un nuovo mezzo informativo”.
E in futuro, come cambieranno le case editrici?
Di Martile: “E’ tutto da inventare, non esistono esempi storici”.
Cosa fa Mediawatch e cosa c’entra con internet?
Furlan: “E’ un’associazione di giornalisti, che sono mediatori di informazione. Presentiamo dei libri. Credo che sia importantissimo divulgare internet, incominciando dagli studenti nelle scuole”.

──

 

Per approfondire

 

Siti

 

 

 

www.corriere.it

 

www.giornale.it

 

www.tgcom.it

 

www.corrieredellasera.it

www.lastampa.it/redazione/default.asp

 

www.ilfoglio.it  
www.italiapost.com  
www.giornalilocali.it  

 

 

Letture

 

Catalano R., Il regime giuridico della stampa elettronica e  dei «siti» Internet (Nota a T. Napoli, 18 marzo 1997, Internet  Global Reporter). Dir. e giur., 1997, 186

Ciotti F., Roncaglia G., Il Mondo Digitale.

Introduzione ai nuovi media, Laterza, Bari 2000 Colella D., Vinassa De Regny M., Dizionario della Comunicazione e dei Mass Media, Guaraldi, Modena 1998 Kehoe p. B., lo zen e l’arte di internet, Il Sole-24 Ore libri, Milano 1996

Kim J. A., Costruire comunità Web, Apogeo, Milano 2000

Torna alla quinta puntata


LINK GENERALI

 

  Home   Commento   Mappa   Personaggi   Il Processo a Internet  


Provider: Effebi Informatica - Via Sormani n. 15 - 20095 Cusano Milanino (MI) - tel. +39/02/66402374

fax. +39/02/66404056 - E-mail: info@effebi-informatica.com - sito: www.effebi-informatica.com

Gestore Internet: www.il-processo-a-internet.com

Registrazione Tribunale di Milano: numero 677 del 30/11/2001

Direttore: Amedeo Nigra - www.studiolegalenigra.com

Editore: Marketing Sociale S.r.l. - www.marketing-sociale.com

Omologa Tribunale di Milano: numero 4074

Registrazione Camera di Commercio: numero 81847/1999

Autorizzazione Comune di Milano: numero 34537/2000